OMEGA 3 ANIMALI O VEGETALI?

11.05.2022

Ti hanno detto che l'Omega 3 derivato dall'Olio di lino o da altre fonti vegetali è più efficace, sano e "morale" rispetto a quello del pesce?

Molti sono convinti che l'Omega 3 di origine vegetale sia molto efficace, tuttavia queste affermazioni vengono da ambienti vegani/vegetariani che fanno dell'ideologia il loro credo, senza tener conto dei fatti e delle scienza. La maggior parte delle persone non riescono a consumare una quantità sufficiente di grassi Omega-3 e questa carenza può portare a diverse malattie e morte prematura.
Si calcola che la mancanza dei giusti livelli di Omega 3 sia il sesto fattore killer nella triste classifica dei decessi americani, cioè causa fino a 96.000 morti premature ogni anno.
In realtà, l'assunzione di grassi nella dieta è stata tra i fattori di rischio più studiati per il seno e prostata.

Due studi dal 2002 spiegano come Omega-3 in grado di proteggere contro il cancro al seno.Il BRCA1 (gene del cancro al seno 1) e BRCA2 (gene del cancro al seno 2) sono due geni soppressori tumorali che, quando funziona normalmente, aiutano a riparare i danni del DNA, un processo che impedisce anche lo sviluppo del tumore.I grassi omega-3 e omega-6 influenzano questi due geni; l'omega-3 tende a ridurre la crescita delle cellule tumorali, mentre gli altamente trasformati e tossici omega-6 possono causare la crescita del cancro.
Ricordo che gli Omega 6 sono contenuti nei cereali, nel pane integrale, nella maggior parte degli oli vegetali (specialmente in quello di lino e di canapa), nelle noci, nella spirulina, nei semi di canapa indiana, nella borragine e nell'oenothera biennis o primula notturna.

Tutti alimenti di uso comune, specialmente delle popolazioni vegane/vegetariane, che quindi sono a maggiore rischio di squilibrio del giusto rapporto omega3/omega6.

Paradossalmente l'Omega 6 negli alimenti animali è presente solo in piccolissime quantità e invece tutto il mondo è convinto che siano cibi cancerogeni, invece lo sono proprio quelli che vengono assunti in sostituzione di pesce/carne/uova.
La carenza di Omega-3 incide sulla salute del Cuore e del cervello (specialmente delle donne) Considerando che la carenza di Omega-3 è un fattore base comune per il cancro e le malattie cardiache, non è sorprendente che le statistiche dimostrino che questa carenza può essere responsabile di circa 100.000 morti ogni anno.
Particolare attenzione dovrebbe essere data al fatto che la maggior parte delle donne hanno gravi carenze di Omega-3.
Uno studio del 1991 presso la Mayo Clinic si è concentrato su 19 donne in gravidanza che consumavano "diete normali" e ha dimostrato che tutte erano carenti di grassi Omega-3.
Un altro studio ha confrontato donne Inuit (eschimesi) con le donne canadesi, e ha rivelato la carenza di Omega-3 nel latte delle mamme canadesi.
Le cellule animali non possono formare omega-3, quindi un feto deve ottenere tutti i suoi acidi grassi Omega-3 dalla dieta della madre.
L'apporto dietetico di DHA della madre influenzano direttamente il livello di DHA (un componente dell'Omega 3) del feto in via di sviluppo, l'impatto del cervello e la salute degli occhi del bambino.
Quindi è importante ricordare che in caso di gravidanza, il bambino dipende dall'Omega-3 della dieta che assume attraverso il latte materno, quindi è fondamentale mantenere un adeguato apporto di DHA/EPA attraverso pesce e/o integratori specifici.
Infatti si pensa che la cosiddetta depressione post-parto che colpisce molte donne sia dovuta proprio al fatto che l'organismo dirige tutto l' omega 3 verso il feto per il suo corretto sviluppo.

Il problema è che se la dieta materna è povera di omega 3, dopo nove mesi proprio la mamma si ritroverà i livelli di DHA sotto i livelli di guardia: ma il cervello è ricco di DHA che quindi in forte carenza andrà in crisi.
Gli Omega-3 continuano ad essere essenziali per lo sviluppo del cervello dopo la nascita.

Phyllis A. Balch e il Dr. James F. Balch in "Prescription For Healing nutrition", scrivono:
"I bambini allattati al seno sono più intelligenti di quelli che hanno assunto latte artificiale e nella vita adulta dovranno assumere livelli più alti del normale."

Il Dr Earl Mindell, in "La Bibbia degli integratori", scrive:
"C'è una ragione per cui il pesce è noto come cibo per la mente. Esso è una fonte ricca di acido docosaesaenoico (DHA), un acido grasso presente in alta concentrazione nella materia grigia del cervello. I DHA sono strumentali nella funzione delle membrane cellulari del cervello, gli organi importanti per la trasmissione dei segnali cerebrali."


Secondo il Dr. Ray Sahelia, autore di "Mind Boosters":
"Rendendo le membrane cellulari più fluide, gli acidi grassi omega-3, in particolare i DHA, migliorano la comunicazione tra le cellule cerebrali"


Come risultato, la carenza di omega-3 nel corpo può causare una mancanza di comunicazione fra cellule all'interno del cervello, con tutte le conseguenze che vediamo in tutto il mondo, sempre più depresso e folle.
Secondo Steven G. Pratt e Kathy Matthews, autori di "Superfoods Rx", gli acidi grassi Omega-3 sono così importanti per lo sviluppo e la corretta manutenzione del cervello che "alcuni scienziati addirittura, postulano un collegamento tra queste sostanze e l'evoluzione del cervello nello sviluppo umano".
Purtroppo, la dieta media di solito non contiene il giusto equilibrio di questi acidi grassi.
Se mangi una dieta tipica moderna, probabilmente ricevi un sacco di omega-6 con mais, soia, oli e grassi negli alimenti trasformati.

I sintomi più frequenti di una leggera carenza o di fabbisogni particolari, per esempio nelle persone giovani, possono essere: 

  • svogliatezza nello studio, 
  • scarsa concentrazione, 
  • sonno un pò disturbato, 
  • cattivo umore, 
  • leggera depressione, 
  • cali della memoria. 


Nel vostro organismo deve sempre esserci un equilibrio tra Omega-3 e Omega-6
Gli Omega-3 e Omega-6 sono due tipi di grassi che sono essenziali per la salute umana.
Tuttavia, la popolazione occidentale (compresi gli italiani) consuma troppi grassi omega-6 nella sua dieta e pochi di omega-3.

L'aumento dei vegani/vegetariani ha peggiorato ancora di più questo rapporto perché queste persone tendono a consigliare un alto consumo di cibi con elevato contenuto di Omega-6 come cereali e oli vegetali.
Il rapporto ideale di grassi omega-6 e omega-3 è di 1:1.
Attualmente, tuttavia, la nostra media è da 20:1 a 50:1!

L'Omega-6, come già accennato, proviene principalmente da cereali, mais, soia, colza, cartamo e oli di girasole e questi molte volte sono preponderanti nella classica dieta occidentale, che rappresenta l'eccesso dei livelli di omega-6.
I grassi omega-6 predominano la dieta negli Stati Uniti e in parte anche quella italiana, e questo incoraggia la produzione di infiammazione nel corpo.
La carne è accusata di essere anch'essa infiammatoria, ma in realtà agli animali vengono dati proprio cereali e (non erba ricca di Omega 3 come sarebbe normale) con la conseguenza che le nostre bistecche hanno un basso contenuto di Omega-3.
Quindi, paradossalmente (per loro), la carne allevata al pascolo conterrebbe un adeguato apporto di omega 3, che sono protettori nei confronti dei tumori, mentre consigliano cereali ed altro che contengono invece i cancerogeni Omega-6!

Follie dell'ideologia alimentare che ha invaso il mondo.
Perché? Semplice, non è possibile sostituire Omega-3 di origine animale con le fonti a base vegetale.

Negli ultimi anni, molte persone, in particolare quelli che seguono rigorosamente una dieta vegetariana o vegana, sono convinte che non ci sia bisogno di consumare prodotti di origine animale per ottenere omega-3, visto che si possono assumere elevate quantità di omega-3 di origine vegetale.
In realtà la maggior parte dei benefici per la salute che si possono ottenere da grassi omega-3 sono legati ai grassi EPA e DHA di origine animale - non a base vegetale ALA. Semplicemente non sono intercambiabili.
Esaminiamo la composizione di questi due acidi grassi; EPA e DHA contengono tra 20 e 22 atomi di carbonio, mentre ALA ha 18 atomi di carbonio.
Tutti questi acidi grassi hanno il loro primo doppio legame in terza posizione, è per questo che si chiamano "omega-3".
Tuttavia, questa differenza nella lunghezza della catena di carbonio conferisce a questi due tipi di caratteristiche significative degli Omega-3. Gli EPA e DHA sono acidi grassi a catena lunga, mentre ALA è un acido grasso a catena corta.
Gli acidi grassi a catena lunga sono più importanti per la salute cellulare.
Un altro grasso omega-3, l'acido docosapentaenoico (DPA) può anche essere meglio sintetizzata dal corpo producendo EPA.


Il Dottor Nils Hoem, uno scienziato leader nello studio degli omega-3, descrive molto bene questi processi.
Dice che quando si osserva l'assorbimento e la distribuzione di EPA e DHA, si vede qualcosa di strano.
Dopo l'ingestione di una buona quantità di EPA e DHA, come quelli del salmone o olio di krill, il livello di acidi grassi nel plasma (sangue) rimane elevato nei tre giorni successivi.
"Il tuo corpo lavora sulla sua distribuzione, redistribuzione e ri-ridistribuzione per tre giorni. Questo è difficilmente compatibile con l'essere solo cibo'", dice Hoem.
Invece gli Omega-3 ALA sono rapidamente assorbiti, con un picco un paio d'ore dopo l'ingestione, e poi sparire entro 10 ore.
Questo significa che il corpo utilizza ALA in modo molto diverso da EPA e DHA.
Hoem aggiunge che gli acidi grassi a catena corta, come l'ALA sono semplicemente cibo, una semplice fonte di energia.
Ma gli acidi grassi a catena lunga, cioè gli Omega-3 del pesce sono elementi strutturali.
Non sono solo "cibo" - sono in realtà essenziale nella composizione delle cellule - nel senso che giocano una maggiore funzione nella struttura del vostro corpo.
Quindi l'ALA è solo un precursore di EPA e DHA.
Sono necessari certi enzimi per allungare e desaturare l'ALA in modo che possano diventare Omega-3 a catena lunga.
Purtroppo, questo non funziona in alcune persone, in particolare quelli che sono carenti di alcune vitamine e minerali, che porta a tassi di conversione molto bassi: solo l'1 per cento di ALA viene convertito in EPA / DHA.
In alcuni, la conversione può anche scendere fino a 0,1 e 0,5 per cento!

Questo è il motivo per cui fare affidamento solo su fonti vegetali per ottenere il vostro omega-3 (ALA) di alimentazione è una strategia per la salute molto inefficiente.
Si potrebbe fare meglio se l'utilizzatore assume gli Omega-3 direttamente da animali marini, come l'olio di salmone.
Molti scienziati ritengono che uno dei motivi del perché vi è un'alta incidenza di malattie cardiache, ipertensione, diabete, obesità, invecchiamento precoce, e alcune forme di cancro è questa profondo squilibrio Omega-3/Omega-6.
Analizziamo quindi le fonti dove potrete contare per avere il giusto dosaggio di EPA/DHA.
1) Pesce: In teoria, il pesce in grado di fornire tutti gli omega-3 necessari.
Purtroppo, la maggior parte della fornitura di pesce è ormai pesantemente contaminato con tossine e sostanze inquinanti industriali, come i metalli pesanti tra cui il mercurio, il piombo, l'arsenico, il cadmio, PCB e veleni radioattivi.
Con queste tossine, consigliare di mangiare il pesce ha bisogno di alcune limitazioni; per esempio niente tonno e pesce spada che sono fortemente contaminati dal mercurio.
Questi due pesci vanno consumati massimo una o due volte al mese e con il tonno solo in vetro che è più pregiato e buono, visto che le scatolette a loro volta contengono metalli pesanti.
Test indipendenti dalla Policy Project Mercury ha scoperto che la concentrazione media di mercurio nel tonno in scatola è ben oltre i "limiti di sicurezza" della Environmental Protection Agency (EPA).
Si possono invece consumare il salmone e i pesci piccoli come le alici, sardine, sarde, ecc.
Inoltre può anche ospitare una vasta gamma di contaminanti, tra cui tossine ambientali, astaxantina sintetica, e i sottoprodotti metabolici nocivi e residui agrochimici di mangime OGM e soia con cui sono alimentati.
2) L'olio di pesce è uno dei modi principali che le persone incrementano l'assunzione di Omega-3.
Gli oli di pesce di alta qualità possono certamente fornire molti benefici per la salute, tuttavia questi prodotti sono carenti in antiossidanti.
Questo significa che, come si aumenta l'apporto di Omega-3 attraverso il consumo di olio di pesce, in realtà aumenta la necessità di aggiungere una protezione antiossidante.
Questo accade perché l'olio di pesce è un pò deperibile e l'ossidazione porta alla formazione di radicali liberi nocivi.
Antiossidanti e altre protezioni sono quindi necessari a garantire che l'olio di pesce non si ossidi e diventi rancido nell' organismo.
L' olio di fegato di merluzzo non è consigliabile a causa dei rapporti problematici di vitamine A e D.
La mia scelta quindi è indirizzata sul BalanceOil che contiene una naturale ed equilibrata ricchezza del giusto rapporto EPA/DHA e inoltre contiene i potentissimi polifenoli estratti dalle olive che fungono da antiossidanti e che creano un legame speciale con l'Omega-3 rendendoli più biodisponibili.
Inoltre ha un bassissimo livello di metalli pesanti.
In conclusione, per prevenire e/o curare questa pletora di problematiche di salute e avere una vita lunga, felice e sana per voi e per i vostri figli, consumate del pesce grasso almeno 3-4 volte a settimana, con l'aggiunta di acidi grassi omega 3 (EPA-DHA) ogni giorno, come integratore.
Il vostro medico o nutrizionista non sono d'accordo?
Rigirate loro questo articolo oppure stampatelo e portatelo a loro; vi accorgete che magari non hanno letto nemmeno uno degli oltre 24.000 studi scientifici che attestano i grandissimi benefici dell'Omega-3.
A voi la scelta.

Fonte presa da Steve Zanardi 

PER ACQUISTARE CLICCA SUL BOTTONE QUI SOTTO

La mutazione MTHFR mi riguarda personalmente e da anni seguo le persone mutate. Il mio lavoro è rivolto a tutti coloro che hanno necessità di disintossicare ed integrare in un certo modo, ecco perché la ricerca, per quanto mi riguarda, non finisce mai ed ecco che sono qui a comunicarvi che finalmente ho trovato l'azienda che fa per me...

Un miliardo di persone in tutto il mondo soffre di carenza di vitamina D, e la maggior parte di noi nemmeno lo sa. Il nostro stile di vita, il luogo in cui viviamo e perfino il colore della nostra pelle giocano un ruolo fondamentale per la capacità del nostro corpo di produrre e assorbire la vitamina D e, proprio...